Come sostenere l’Istituto

Sostenendo l’Istituto con una donazione, lo si aiuta a trasformare in risultati concreti i suoi obiettivi ed i suoi progetti scientifici e culturali.

Deducibilità fiscale delle donazioni

Poiché l’Istituto è un’associazione onlus, le donazioni liberali in denaro sono fiscalmente deducibili dal donatore, sino ad un massimo di 70.000 euro (per maggiori informazioni vedi la risoluzione N.89 dell’Agenzia delle entrate). È sufficiente inviare la somma che si crede all’Istituto, mediante bonifico bancario o postale, indicando come causale “donazione liberale”. L’Istituto invierà la certificazione che servirà per la deducibilità.

Ecco gli IBAN utilizzabili per il versamento:

  • Banca Intesa San Paolo: IT09A0306921531100000004941
  • Poste Italiane: IT13Q0760102800000013731500

Intestati a: Istituto di studi storici postali "Aldo Cecchi" onlus.

Il 5 per mille all’Istituto

Compilando la dichiarazione dei redditi, è possibile devolvere il 5 per mille all’Istituto semplicemente apponendo la propria firma nello spazio designato del modello 730 oppure unico e scrivendo il codice fiscale dell’Istituto (01877640480).


Si tratta di un aiuto concreto che consente la realizzazione di diverse attività. Grazie ai contributi del 5 per mille ricevuti negli anni scorsi, l’Istituto ha realizzato numerose attività tra cui la scansione di tre riviste specializzate: Rassegna delle Poste, dei Telegrafi e dei Telefoni (1929-1939) - Rassegna delle Poste e delle Telecomunicazioni (1940-1941) - Poste e Telecomunicazioni (1942-1943), che sono già liberamente consultabili su questo sito ( vedi Rassegna delle Poste dei Telegrafi e dei Telefoni).

Destinare il 5 per mille all’Istituto di Studi Storici Postali onlus non comporta per il contribuente nessun ulteriore aggravio fiscale, né compromette la possibilità di destinare l’8 per mille.